Body shaming e body positive: cosa sono?

b6e9badf-238e-4fbf-9a25-fbeaa375e745
2021: l’anno della rivalsa
febbraio 20, 2021
20210217_182223
VINI E VIGNASTRI
febbraio 25, 2021
Immagine articolo bodyshaming bodypositive

“Body shaming” e “body positive” sono due espressioni largamente usate soprattutto negli ultimi tempi, in un’era tecnologica in cui è diventata consuetudine caricare proprie foto o video su internet. Ma effettivamente, cosa vogliono dire?
Sin dall’antichità esistono canoni di bellezza, ideali estetici in continuo mutamento e riconosciuti dalla società, alla quale si sta dando sempre più importanza. Per molti, infatti, questi sono diventati una vera e propria ossessione.
Ormai è sempre più frequente, soprattutto a causa dell’utilizzo dei social, venire criticati, umiliati e addirittura discriminati se non si è conforme a questi standard e non si ha la forma fisica “perfetta”. Questo tipo di bullismo, o anche cyberbullismo, viene definito “body shaming”, che può essere tradotto come “derisione del corpo”.
Chi è debole interiormente o insoddisfatto tende spesso a sfogarsi giudicando gli altri, oppure accade anche che chi è troppo superficiale esprima commenti, pure se considerati banali, che possono ferire la sensibilità altrui. Nel sistema odierno, giovani e adolescenti maggiormente, essendo estremamente influenzati dalle opinioni esterne, sono soliti mettere a confronto il proprio corpo con ideali spesso irrealistici e al limite e, quando non vi rientrano, si crea un senso di inadeguatezza. Anche chi sta bene con se stesso, se messo in discussione con continue critiche, può arrivare a rivalutarsi.
Dal body shaming ne consegue la totale perdita di autostima, la vergogna ad esporsi, costanti insicurezze sulla propria persona e su come si è. Possono nascere veri e propri traumi e problemi fisico-mentali nella vittima, che crede di essere sbagliata. Ci sono stati anche casi tragici in cui si è arrivati a gesti estremi.
Attualmente il body shaming è considerato diffamazione aggravata nel caso in cui le offese, a danno della reputazione di una persona, siano pubbliche e, pertanto, è punibile legalmente con la reclusione ed una cauzione penale.
Anche se i social hanno contribuito alla diffusione di questa forma di bullismo, è proprio da qui che molte persone si stanno attivando per contrastarla. Nasce così il “body positive”, movimento che invita ad amarsi, ad accettare le proprie particolarità e difetti, e si batte per preservare la dignità di tutti i corpi, indipendentemente dalla propria taglia, razza, genere o abilità. Ha lo scopo di demolire il concetto di bellezza, dalla quale non deve dipendere il valore di una persona. La perfezione non esiste e la bellezza è puramente astratta e soggettiva. E’ diritto di ognuno il poter sentirsi bene così come si è, senza venire oppressi da canoni estetici imposti da qualcun altro.

Martina Scala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *